Allerta per la “piena eccezionale” del Reno

18 mar. – Ha attraversato Casalecchio di Reno invadendo il lido con un’enorme valanga d’acqua. Il fiume Reno è in queste ore sorvegliato speciale per un’onda di piena che non ha precedenti negli ultimi 20 anni. Nel primo pomeriggio di oggi l’onda di piena del Reno è transitata per Vergato toccando quota 4 metri e 40 centimetri sullo zero idrometrico: non succedeva da vent’anni.
A Casalecchio è stato evacuato temporaneamente il campo rom e chiuse alcune strade private e pedonali del lungo fiume. Qualche problema c’è stato anche a Bologna dove il Reno è uscito in via del Triumvirato e in via del Milliario e dove la protezione civile è al lavoro per posizionare sacchi di sabbia.

Alle 4 di questa notte è prevista la piena a Cento il punto considerato più critico, per questo motivo verrà aperto il cavo Napoleonico, quello che fa defluire l’acqua del Reno nel Po. Questo dovrebbe alleggerire il peso sugli argini.

L’ingegner Ferdinando Petri, responsabile del servizio di bacino, parla di piena eccezionale e di situazione da tenere sotto controllo. A preoccupare Petri e i tecnici sono gli argini in pianura: già pieni di acqua a seguito delle precipitazioni dei giorni scorsi è probabile che non riescano a reggere la piena che dovrebbe arrivare a Bologna nelle prime ore della giornata di domani e in seguito in pianura. La Protezione civile ha già avvisato i comuni di pianura attraversati dal fiume e anche la Prefettura di Ferrara è stata allertata.

Oltre ai tecnici, a sorvegliare il decorso delle acque sono stati chiamati anche i volontari che avranno il compito di sorvegliare, anche visivamente, la tenuta degli argini in modo da avvisare in tempo reale la macchina di emergenza in caso di “ruscellamenti o fontanazzi”, in altre parole, in caso di falle che si dovessero aprire negli argini.

A creare questa situazione sono state le intense piogge di questi giorni, e soprattutto il fatto che non si fosse ancora esaurita la scorsa ondata di piena. Questo inverno è stato caratterizzato da forti precipitazioni e, soprattutto, dal fatto che spesso è piovuto subito dopo una nevicata, portando ad un rapido scioglimento della neve. Quest’anno sono già 5 le ondate di piena che hanno interessato il Reno.

Ascolta Petri Petri_piena_sito

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.